I veri protagonisti di Atri a Tavola sono i profumi, le forme e i sapori delle eccellenze abruzzesi. Una ricca vetrina delle tipicità locali dove, tra una degustazione e l’altra, è possibile acquistare direttamente dai produttori, a km 0. I dolci e i biscotti della tradizione nostrana, tra cui il celebre Panducale, storica specialità che da anni identifica la città ducale in Italia e nel mondo. Le squisite marmellate e confetture di frutta di altissima qualità, prodotte con materie prime accuratamente selezionate. Le dolcissime varietà di miele, dal monoflora ai millefiori di montagna, produzioni il cui lavoro si perde nei secoli lontani dell’Alto Medioevo. I liquori artigianali, antichi distillati le cui ricette si tramandano di padre in figlio. Tra le novità, spicca Liquinero, liquore alla liquirizia della storica azienda ducale Menozzi De Rosa, che continua la tradizione della sua lavorazione in Atri, dove, fin dal medioevo, i frati Domenicani estraevano il succo dalle radici delle piante che nascevano spontanee in zona. Le birre artigianali, realizzate con orzi e luppoli autoctoni studiati e coltivati con cura e dedizione dalle nuove generazioni di agricoltori. Il famoso aglio rosso di Sulmona, prodotto antico della Valle Peligna e inserito tra i prodotti agrolimentari tradizionali italiani (P.A.T.) della regione Abruzzo. Ceci, farro, fagioli, i cereali e legumi che hanno fatto parte dell’alimentazione dei nostri nonni e poi entrati in disuso, oggi riscoperti e riportati sulle nostre tavole. Famoso il grano Solina, varietà autoctona di grano tenero coltivata nelle valli della provincia dell’Aquila le cui origini risalgono al XVI secolo. La pasta artigianale, i sughi e le salse per tutti i gusti, pronti per condire i piatti della tradizione. I sottoli e le conserve, la frutta e verdura fresche di raccolta. L’ olio extra vergine d’oliva, l’oro verde d’ Abruzzo; il mondo agricolo abruzzese, che per secoli si è specializzato nella coltivazione dell’olivo, selezionando accuratamente le piante più adatte al territorio in cui vivevano, unitamente alla maestria dei frantoiani, ha dato vita a produzioni di olio di oliva extravergine di qualità eccellente competendo oggi a livello nazionale ed internazionale con i più blasonati Oli Extravergine presenti sul mercato. Il pecorino d’Abruzzo, tra i formaggi abruzzesi più conosciuti e apprezzati; grasso, a breve, media o lunga stagionatura, a pasta dura o semidura, di crosta dura, liscia e untuosa, colore paglierino chiaro e più intenso con la stagionatura; carico di sapori e aromi che variano a seconda del luogo del pascolo, dalle dolci colline costiere ai campi estesi d’alta quota sull’Appennino. I salumi, di maiale su tutti; salsicce fresche o conservate sott’olio, salami, lonze, prosciutti e la caratteristica ventricina, prodotta usando tagli di prosciutto, testa, pancetta e sugna macinate finemente, con aggiunta di sale, aglio, pepe bianco e pepe nero tritati, peperoncino dolce e piccante, pasta di peperoni, semi di finocchio, rosmarino, buccia di arancia e altre spezie del territorio abruzzese. La porchetta, piatto tipico dell’Italia centrale e settentrionale; maiale intero eviscerato e disossato, salato, speziato e infine cotto al forno, tradizionalmente servito in panini imbottiti con la giusta dose di tagli di grasso, magro e crosta. I vini di prestigiose cantine e antichi vitigni, montepulciano, trebbiano, cerasuolo i più famosi. I tartufi, presenti in ogni zona dell’Abruzzo; ogni località possiede infatti caratteristiche specifiche che favoriscono la crescita di alcune particolari specie, dal più comune tartufo nero estivo, chiamato anche Scorzone, al più pregiato tartufo bianco. Lo zafferano di Navelli, riconosciuto come il migliore al mondo; i suoi bulbi, seminati nell’altopiano aquilano, hanno trovato le condizioni ideali, in termini di clima e di terreno, per dare vita alla caratteristica pianta che permette la produzione di una delle spezie più ricercate dai grandi chef. Da qualche anno si distingue una piccola azienda agricola ducale che produce in loco il prezioso zafferano. I cosmetici con latte d’asina; recenti studi hanno dimostrato che il latte d’asina è l’alimento di origine animale con le caratteristiche più vicine al latte materno; la sua tollerabilità cutanea lo rende un ingrediente ideale per pelli secche, sensibili e affette da problematiche come acne e psoriasi.